I pouf in ufficio, una comodità cui non rinunciare

0
350

Un pouf in ufficio può apparire insolito, ma è il modo migliore per rendere confortevole un ambiente di lavoro.

NEWSLETTER - UFFICIO
Pouf per un ufficio, perché no? L’idea dell’ufficio triste e grigio è ampiamente sorpassata, soprattutto se parliamo di luoghi di lavoro che sono aperti al pubblico, come per esempio gli studi professionali. E allora bisogna renderli maggiormente confortevoli.
Una buona idea può venire dai pouf, non solo da proporre ai visitatori dall’esterno nelle sale d’attesa, ma anche per le aree relax dedicate al personale, in cui il comfort più essere una chiave per rendere la ripresa del lavoro più piacevole.
Perché proprio i pouf? Perché sono morbidi, sono semplici da spostare, più comodi di una sedia o di una poltrona tradizionale, piacciono a grandi e a piccini. Inoltre – dettaglio da non trascurare per niente – i pouf modificano lo stile di una stanza per renderla unica.
In particolare, è meglio scegliere pouf colorati: come tutti sanno, ci sono dei colori che riescono a risvegliare determinate sensazioni positive nell’animo umano, come portare il sorriso in una giornata di pioggia. E quindi via libera a colori sgargianti, ricordando tuttavia che però i pouf non devono essere mai troppo stridenti con il resto dell’arredamento da ufficio.
L’ideale sarebbe concentrarsi su un mobilio dai toni neutri, in modo che poi si abbia via libera con i pouf che si preferiscono, nella forma e anche nel colore. Non vi fidate? Pensate solo al fatto che in luoghi di lavoro come le sedi di Google hanno adottato i pouf per il loro allegro arredamento.