Uno dei cult nel mondo dei videogiochi ora diventa un pouf a sacco! Nasce il pouf di Pac-man!

0
178

Siete amanti o addirittura dipendenti da videogames? Desiderate trasformare la vostra casa con un arredo che rispecchi la vostra passione? Perfetto, da poco sul mercato dei pouf a sacco sono spuntate le poltrone di Pac-Man!!!
Uno dei videogiochi piu’ classici e famosi ora è un pouf a sacco divertente e originale!
Per i fan è un gadget cult davvero imperdibile, ma anche per chi è indeciso su come arredare la stanza del proprio figlio è un’occasione imperdibile!
Il mondo del design, ce ne rendiamo ogni giorno sempre piu’ consapevoli, non ci stupisce mai abbastanza!
Ora le fonti di ispirazione divengono addirittura i videogiochi!!!
Pouf-Man, così è chiamato il pouf a sacco che prende spunto dal mitico Pac-man, è una creazione tutta italiana, opera di TOHRO IWATANY.

E’ realizzato in legno e poliuretano espanso, ed e’ diviso in due parti: una prima, la principale, ha la forma della familiare figura di Pac-Man, nell’atto in cui sta per divorare la sua preda. La seconda, che le fa da completare, è un poggia piedi, pouf di forma quadrata,  che rappresenta il “cibo” della nostra simpatica pallina affamata, e che in effetti si incastra alla perfezione nella “bocca” della poltroncina.
Il prodotto non può non mancare nelle abitazioni dei piu’ incalliti videogiocatori e degli appassionati del cult, ma, come vi abbiamo già accennato, risulta un elemento di arredo ideale anche per la stanza dei bambini, o per chi desidera dare un tocco di allegria e unicità agli interni della propria dimora.
Con il pouf a sacco di Pacman il divertimento è assicurato, e stupire gli  è reperibile in Italia in numerosi punti vendita, ed è disponibile in sei colori differenti.
PER CHI NON LO SAPESSE…
Pacman è uno dei videogiochi chiamati  “arcade”. Si basa su regole semplici: la pallina deve fuggire dai fantasmini e mangiare le pillole disseminate lungo il labirinto. Se riesce a finirle, si passa ad un livello superiore, nel quale i nemici sono sempre piu’ pericolosi ed i frutti più esotici. Se il Pacman riesce a mangiare le palline, diventa invulnerabile per alcuni secondi ed i fantasmini si colorano di blu. Se questi ultimi vengono mangiati, i punti guadagnati sono centinaia.
Curiosità…
L’origine di Pac-Man è piuttosto singolare. Sembra infatti che l’idea soggiunse a Tohru Iwatani durante una cena con degli amici guardando una pizza a cui era stata tolta una fetta[7]. Dopo quattordici mesi da quella cena, precisamente il 22 maggio del 1980, grazie a un team di sviluppo di otto tecnici, divisi equamente fra software e hardware e capeggiati da Shigeo Funaki, comprendente anche il musicista Toshio Kai, vide la luce il primo Pac-Man.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here